Lo zafferano

 Il team di Dieta Mediterranea ti presenta oggi alcuni preziosissimi consigli sullo zafferano. Lo Zafferano - Cenni storici Il termine zafferano deriva dal latino "safranum" che risale a sua volta all'arabo "Za' feràn". Le sue proprietà erano note agli Egizi come conferma il Papiro di Ebers del 1550 a.C., ma anche in ambito cretese-miceneo, tanto che il fiore dello zafferano è raffigurato nelle pareti del Palazzo di Cnosso. Nella mitologia greca la nascita della pianta è attribuita ...

Tornare in forma dopo le feste

Abbiamo gioito, abbiamo scherzato, abbiamo mangiato, abbiamo brindato salutando il 2016 e abbiamo affrontato con speranza il nuovo anno. Tra i tanti buoni propositi che abbiamo deciso di realizzare, molto probabilmente c'è anche quello di tornare in forma dopo le feste.  Non servono diete drastiche, basta seguire alcuni semplici consigli e provare ad aggiungere alla nostra giornata alcune bevande naturali o aggiungere qualche spezia ai nostri pranzi/cene per tornare in forma. 1) LIBERIAMOCI ...

Le principali innovazioni della piramide

Le principali innovazioni della piramide sono studiate da Lluis Serra Majem. "La Spagna sta conducendo la ricerca sulla dieta mediterranea e l'olio di oliva in tutto il mondo". Lo scorso luglio gli scienziati internazionali riuniti nel Palazzo Lombardia a Milano nell'ambito della prima conferenza mondiale sulla Dieta Mediterranea, hanno tracciato il futuro di questo modello di cibo sano e sostenibile. In questo incontro, organizzato dalla Fondazione Internazionale della Dieta Mediterranea ...

Leggende sul tipico dolce natalizio del Trentino Alto Adige

Quali sono le leggende sul tipico dolce natalizio del Trentino Alto Adige? Lo Zelten è un dolce di origine mitteleuropea che nel 700,dice una leggenda, veniva preparato il 13 dicembre e offerto fino alla fine delle feste. Esiste un manoscritto risalente al 700 dove è spiegata la ricetta dello Zelten: “Prendete dell’uva di Candia, uva passa, pinoli, mandorle sbucciate tagliate per lungo, scorze di limone minutamente tagliate, semi di anice, cedro candito, cannella in polvere, un po’ ...

Una tradizione sempre viva in Val Sarentino

Val Sarentino - Cultura e Tradizione vissuta La Val Sarentino si estende a nord di Bolzano per una lunghezza di 50 km fino a Passo Pennes, circondata da splendide montagne disposte a ferro di cavallo e immersa in una natura pressoché incontaminata. La località principale è Sarentino, che comprende ben 27 frazioni ed è il più grande comune dell’Alto Adige per estensione. La valle e la comunità conservano in buona parte il loro carattere originario, caratterizzato da un’impronta ...

Il giusto abbinamento del vino

Dieta Mediterranea ti presenta oggi alcuni consigli sull'abbinamento del vino Abbinamento per tradizione - Un piatto tipicamente regionale o locale va generalmente abbinato ad uno dei vini della stessa zona per creare un'affinità di profumi e di sapori Abbinamento per contrapposizione e concordanza di sapori -L'abbinamento più piacevole si ha quando il vino esprime caratteristiche opposte a quelle del cibo. Quando un piatto é particolarmente grasso (lo zampone ad esempio) sarà bene ...

Il formaggio vezzena

Il formaggio Vezzena è prodotto sugli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna da tempi assai antichi, avendo sempre grande fama grazie all’ottimo prodotto e alla duplice possibilità di utilizzarlo da tavola e da grattugia. Fino alla Prima Guerra Mondiale il Vezzena era l’unico formaggio in Trentino utilizzato come condimento su zuppe e canederli e a quanto ci raccontano le cronache, era uno dei formaggi preferiti dall’imperatore Francesco Giuseppe. Il latte crudo parzialmente ...

Il Törggelen

Il no­me Törg­ge­len de­ri­va dal la­ti­no ‘tor­que­re’ che si­gni­fi­ca pres­sa­re, striz­za­re, at­tor­ci­glia­re.  Si riferisce alla tradizione di pressare i grap­po­li di uva nel­le can­ti­ne. La Val­le Isar­co è il luo­go d'o­ri­gi­ne del Törg­ge­len. Con il Törg­ge­len i con­ta­di­ni del­la val­le fe­steg­gia­va­no il pe­rio­do del­la ven­dem­mia e il vi­no nuo­vo of­fren­do lo­ro un ban­chet­to ric­co di pro­dot­ti ...

Trucchi per coltivare le erbe

Semina e trapianto Le aromatiche annuali (aneto, anice, basili­co, cerfoglio, coriandolo, cumino, santoreg­gia) vengono generalmente riprodotte per seme. Le altre specie, arbustive o arboree, possono essere riprodotte anche per parte di pianta, tecnica che consente di ottenere esemplari adulti in tempi estremamente brevi (rispetto alla semina) e rende quindi la coltivazione immediatamente produttiva. La semina viene effettuata generalmente in primavera (marzo-aprile); una notevole acce­l...